Hotel Business Magazine 

 
HOME > News

Viaggi d’affari: Paesi Bric e emergenti la locomotiva del 2013

23/01/2013 14:49
Le anticipazioni dei risultati contenuti nell’ottava edizione dell’AirPlus Travel Management Study, tra i trend emersi, a fronte di un numero di trasferte sostanzialmente in linea con l’anno precedente, i travel manager prevedono un incremento delle tariffe praticate dai fornitori di servizi
Nel 2013 le aziende con sede in Europa Occidentale, Gran Bretagna, Scandinavia, Nord America, Australia e Singapore manterranno volumi di viaggio e di spesa associata alle trasferte di lavoro sugli stessi valori registrati nel 2012. Questo nonostante il perdurare della difficile situazione economica in Europa, della lenta ripresa degli Usa e dell’instabilità che caratterizza il Medio Oriente. Più ottimiste le aziende nei Paesi Bric ed emergenti, che sono destinate a fare da locomotiva nel 2013 al settore dei viaggi d’affari a livello globale. Sono alcune anticipazioni dei risultati contenuti nell’ottava edizione dell’AirPlus Travel Management Study, un’indagine annuale condotta nel secondo semestre del 2012 su un campione di 2.100 travel manager in 24 Paesi tra cui l’Italia e che sarà disponibile a partire da marzo 2013.
A fronte di un numero di trasferte sostanzialmente in linea con l’anno precedente, i travel manager intervistati prevedono nel 2013 un incremento delle tariffe praticate dai fornitori di servizi. In media il 40% degli intervistati nei mercati maturi ritiene che i costi della biglietteria aerea cresceranno, un incremento imputabile in parte all’aumento delle spese accessorie (ancillary fees) quali ad esempio quelle associate alla scelta di posti a bordo più confortevoli, alla preselezione del posto o al bagaglio da stiva. In crescita anche le spese accessorie addebitate dagli hotel quali ad esempio quelle per l’uso del wifi, dei servizi fitness o per il check-out espresso. Maggiori aspettative di incremento dei costi nei paesi Brics ed emergenti dove rispettivamente il 52% e il 58% dei travel manager intervistati prevede aumenti da parte dei fornitori di servizi di viaggio.

TAGS

COMMENTA

Ultimi articoli