Hotel Business Magazine 

 
HOME > News

Turismo a Genova: sinergia e rinnovamento le parole d'ordine

17/11/2016 17:48
Secondo appuntamento promosso da Planetaria Hotels per fare il punto

Con un boom di arrivi e presenze Genova conquista posizioni tra le mete turistiche in crescita in Italia. E’ quanto emerso dal Convegno “Genova, la crescita del turismo: destination management e marketing territoriale”, svoltosi al Grand Hotel Savoia a Genova. 
Dal 2012 al 2015 Genova ha registrato un aumento degli arrivi (italiani e stranieri) pari a  un +10,32%, con i flussi stranieri che guidano i trend, e di presenze che nello stesso periodo hanno segnato un +11,17%, come emerge dai dati presentati da Carla Sibilla, assessore al Turismo del Comune di Genova.

Una città che conquista, anche con il solo passaparola, il cuore dei turisti - come emerge dai video-reportage realizzati da Il Secolo XIX  - e anche di chi, con coraggio e lungimiranza, più di 10 anni fa ha puntato su questa città, come il Gruppo Planetaria Hotels (a Genova con il Grand Hotel Savoia e l’Hotel Continental), guidato da Sofia Gioia Vedani, amministratore delegato del gruppo alberghiero che per il secondo anno ha promosso il Convegno, con il Patrocinio del Comune e la media partnership de Il Secolo XIX, per fare il punto sul turismo in città.

Il 91,1% di chi nel 2016 è stato ospite di un hotel a Genova è rimasto colpito dalla attrazioni turistiche, come registrano le 42.500 rilevazioni condotte da Res Hospitality Business Developers, presentate dal presidente Marco Malacrida, esperto in analisi di scenari nel comparto dell’accoglienza turistica a livello internazionale. E questo rende, come registrano i dati di crescita dei ricavi per camere disponibili, e a dirla con le sue parole ora “Genova è diventata una destinazione di valore economico”.

Come conservare i risultati raggiunti e conquistare nuove fette di mercato? I buoni risultati raggiunti dicono che a Genova ci sono due fronti sui cui concentrarsi per attrarre ancor più turisti: il settore congressuale e le crociere. E nuove ricette a cui guardare e modelli di sviluppo di marketing territoriale arrivano dal confronto emerso durante la tavola rotonda, dalle due partecipanti giunte da Emilia Romagna e Piemonte. Secondo Marilena Ferraroni, sales account manager della Event & Conference Business Unit di IEG Italian Exhibition Group SpA, realtà nata nelle scorse settimane dall’alleanza tra Rimini Fiera e Fiera di Vicenza, la ricetta del successo del modello Rimini è il continuo rinnovamento, la riqualificazione e la sinergia tra pubblico e privato.
E anche dal Piemonte Marcella Gaspardone, Comitato Direttivo e Direzione Marketing Turismo Torino e Provincia, sottolinea l’importanza di offrire un prodotto che punti su un’offerta più allargata.

Delle sinergie turistiche ha parlato anche Carlo Fidanza, commissario dell’Agenzia di promozione turistica “In Liguria”, con alleanze e iniziative messe in campo con Lombardia e Piemonte e tre progetti in partenza nel 2017. La Liguria sarà capofila di nuovi itinerari enogastronomici.
E il valore di questo comparto è stato sottolineato da Valter Bordo di Slow Food Italia, che punta il dito sull’importanza di fare rete e sostenere le produzioni di qualità, valorizzando chi produce bene.

Di turismo congressuale e crocieristico a Genova ne hanno parlato Riccardo Esposto, presidente Convention Bureau Genova, e Cesare Torre, direttore marketing della Città, Turismo e Relazioni Internazionali del Comune di Genova, sottolineando la necessità di mettere in campo azioni mirate e rivolte ai vertici. 
In conclusione Magda Antonioli, direttore Master Economia del Turismo Università Bocconi, conferma che la strada della sinergia è quella giusta. E’ la qualità continua che premia. Valorizzare l’appeal delle risorse, puntare sulla governance, mettendo a rete le best practice.
 


TAGS

COMMENTA

Ultimi articoli