Hotel Business Magazine 

 
HOME > News

Stretta sulle policy di cancellazione degli hotel

06/09/2017 14:00
Ghiringhelli/Hrs: “Le aziende devono rivedere i loro hotel program e le tariffe negoziate”

Una prenotazione su sei circa (17%) viene annullata, secondo una recente ricerca di Hrs. Mentre ben il 5% viene cancellato fino a 48 ore prima dell'arrivo.

“Le condizioni di cancellazione più rigide, introdotte di recente dalle principali catene alberghiere, potrebbero quindi provocare un aumento dei costi dell'hotel program delle aziende - spiega la società di procurement per il business travel - In molti casi, il supplemento per la cancellazione tardiva equivale a un pernottamento. Tenendo conto di questi costi potenziali all'interno dei modelli di cancellazione correnti nel corso dello scorso anno, le imprese intervistate incorrerebbero in un aumento del 2%  sui soggiorni”.

Il sondaggio di Hrs condotto su 100 travel manager aziendali ha rilevato che la maggior parte degli intervistati si aspetta un innalzamento dei costi dovuto alle nuove condizioni di cancellazione. Il 60% dei partecipanti all'inchesta prevede che metteranno a rischio il raggiungimento dei loro obiettivi. Di conseguenza, circa un terzo delle aziende ha già iniziato a prendere contatti con gli hotel per ri-negoziare i contratti. Al momento di scegliere tra due strutture di pari classificazione, con gli stessi servizi e simile posizione, l'82% dei travel manager propenderebbe fortemente verso hotel che offrano condizioni di cancellazione più flessibili.

“A fronte di condizioni di cancellazione più rigide delle singole catene, le aziende devono rivedere i loro accordi e le tariffe negoziate - commenta Flavio Ghiringhelli, vp corporate solutions -. Stiamo rendendo prioritario il punto relativo a questi aspetti nelle nostre procedure. Le società che non affrontano il problema nelle negoziazioni per il 2018 rischiano di farsi carico di costi aggiuntivi”.


TAGS

COMMENTA

Ultimi articoli