Hotel Business Magazine 

 
HOME > News

Emilia Romagna, presenze a quota 57 milioni

Oltre 12,8 milioni gli arrivi, con quasi tre quarti dei turisti provenienti dal territorio nazionale. La Riviera si conferma principale motore turistico (41,9 milioni di presenze)

Un altro anno record per l’Emilia Romagna. Il 2017 della regione si è infatti chiuso – secondo i dati di consuntivo forniti dall’Osservatorio turistico regionale in partnership con Unioncamere e in collaborazione con Trademark Italia - con quasi 57 milioni di presenze, +6,3% rispetto al 2016, e oltre 12,8 milioni di arrivi (+7,1%) nelle strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere del territorio regionale.

Quanto alla provenienza dei turisti, quasi tre su quattro di quelli che hanno scelto l’Emilia Romagna sono italiani (+5,6% le presenze, +6,9% gli arrivi), ma gli stranieri sono in forte aumento: +8,9% le presenze, +7,6 gli arrivi. Bene la Riviera che, con 41,9 milioni di presenze (+5,2%) e 6,9 milioni di arrivi (+6,6%), rappresenta il principale motore del comparto turistico regionale. Sempre più affollate le Città d’arte e d’affari, con 7 milioni di presenze (+10,5%) e 3,2 milioni di arrivi (+6,5%) e la crescita continua anche per l’Appennino: 2 milioni le presenze (+4,5%) e 500mila gli arrivi (+3,6%).

In ulteriore, forte accelerazione le “Altre località”, la voce che comprende luoghi e itinerari al di fuori dei circuiti turistici tradizionali: si tratta, ad esempio, dei comuni di Carpi e Maranello (Mo), Rubiera (RE), Fidenza, Collecchio e Colorno (Pr), oppure Sassuolo e Imola (questi ultimi, insieme, dal 2016 promuovono il nuovo prodotto turistico Ceramic Land; e parlando di ceramiche artistiche, non va dimenticato il faentino). Nel complesso, è la voce che cresce più di tutte: 4,6 milioni le presenze, per un +16,3%, e 1,8 milioni gli arrivi, pari al +13,2%.

TAGS

COMMENTA

Ultimi articoli