Hotel Business Magazine 

 
HOME > News

Costa Azzurra, campagna marketing per il rilancio

28/09/2020 11:10
Estate 2020 tutto sommato soddisfacente, per l'autunno si prevedono brevi soggiorni all'insegna dello slow tourism - di Lara Morano

La Costa Azzurra si ripropone ai mercati tramite una nuova campagna marketing, che si avvale degli strumenti forniti dal web e della teconologia, in partnership con le varie città che hanno la destinazione come loro denominatore comune.

Parallelamente, aumenta l'offerta esperenziale legata alla scoperta di nuovi posti caratterizzati da una predominanza della natura sull'urbanizzazione, ed è stato facilitato il sistema di prenotazione per famiglie che intendono andare a trascorrere un fine settimana anche lungo: si può prenotare anche last minute.

"La situazione quest'anno è molto difficile perché il 60% degli italiani non è partito, mentre la restante quota è rimasta in Italia - dichiara Frederic Meyer, direttore di Atout France Italia -  L'Italia è per noi molto importante: nel 2019 gli italiani in Francia erano 7 milioni. L'emergenza sanitaria ha cambiato notevolmente le abitudini di programmare i viaggi, e l'importante è essere reattivi, seguendo le evoluzioni del mercato, assecondando le esigenze della clientela italiana finché non si tornerà alla normalità".

Numeri alla mano, si può parlare di una stagione estiva 2020 malgrado tutto buona. Bene ma non benissimo, gli alberghi sono stati occupati al 68% a luglio e agosto, con una diminuzione di 15 punti rispetto al 2019. Scendendo nel dettaglio, luglio ha registrato il 58% di occupazione alberghiera media, mentre in agosto c'è stato un boom di presenze, con il picco del 93% raggiunto il 12 del mese.  

"Questa campagna ha permesso di alleviare la crisi che ha colpito la stagione estiva - spiega Claire Behar , direttrice del comitato regionale per il turismo Côte d’Azur France - infatti, nonostante sia stata un'estate atipica, il cuore della stagione è stato salvato registrando dei buoni tassi di occupazione". Gettonatissime le destinazioni di montagna, con un turismo principalmente interno ma con un flusso soddisfacente anche di tedeschi, belgi, svizzeri, olandesi e italiani.

Per quanto riguarda la clientela di settembre e ottobre, normalmente  scende al 18%, ma a differenza di quella estiva, è una clientela propensa a spendere di più. Quest'anno ci sarà una stagione turistica autunnale  fatta di brevi soggiorni. Nella volontà di dare un nuovo slancio alla destinazione, sono stati ideati e proposti nuovi itinerari, che dal mare alla montagna, hanno l'ambizione di soddisfare tutte le esigenze.

A seconda degli anni, il mercato italiano rappresenta il primo o il secondo per la Costa Azzurra, e in condizioni no Covid i dati sono soddisfacenti: un milione di soggiorni della durata media di 5 notti, 320.000 occupazioni alberghiere, 70.000 voli, 22.000 case. Cambiando l'approccio alla vacanza, si fanno largo nuove tendenze, come il turismo slow, che sta crescendo in maniera esponenziale: è un modo di vivere il viaggio più lento e intimo, a contatto con le realtà locali, il tutto agevolato da un potenziamento dei collegamenti sui binari, come le nuove linee di Tramway a Nizza che collegano l'aeroporto al centro città in 15 minuti. Le città su cui punta la destinazione Costa Azzurra sono: Nizza , Antibes, Cannes, Grasse , Mentone e Monaco. Poi i villaggi Saint Paul de Vence, Tourrette sur Loup, Gourdon Eze , Sainte Agnes, turismo green con il parco Nazionale del Mercantour, alloggi green, musei, enogastronomia e artigianato. Per concludere l'offerta, ci sono in programma  2 eventi per il 2021: Il Festival dei giardini dal 27 marzo al 28 aprile, e il Festival outdoor dal 30 aprile al 2 maggio.

Lara Morano


TAGS

COMMENTA

Ultimi articoli