Hotel Business Magazine 

 
HOME > RUBRICHE - Investment

I fondi sovrani mediorientali interessati al luxury italiano, ma manca il prodotto

Il fondo sovrano del Qatar ora è interessato al settore degli uffici. A Milano ha già acquisito tutto il complesso di Porta Nuova e gli uffici del Credit Suisse per circa 115 mln di euro

I fondi sovrani mediorientali hanno sempre mostrato interesse verso gli hotel di lusso del nostro Paese. Molti immobili sono finiti nelle loro orbite. Uno shopping che continua ancora oggi e sempre sul fronte alberghiero, segmento dalle grandi potenzialità, come si legge dalle pagine de Il Sole-24 Ore, ma c'è un però, in quanto si avverte una mancanza di prodotto. Il focus è incentrato su Roma e su Milano, però le occasioni per fare operazioni d'acquisto nel segmento lusso stanno scarseggiando.

Per questo adesso le valutazioni si fanno su sviluppo e riconversioni di beni di prestigio. Nel primo trimestre del 2017 sembra che non vi saranno capitali arabi e mediorientali tra gli investimenti, che dovrebbero essere intorno a 1,8-2 mld di euro, in crescita rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

L'ultima transazione è stata fatta nel giugno del 2016, quando Starwood Hotels & Resorts vendette i due hotel di Firenze, St. Regis e The Westin Excelsior, a Nozul Hotels&Resorts, società controllata dalla qatarina Jaidah Holdings. La transazione è stata di 190 milioni di euro. Ad essere stato attivo anche il fondo sovrano del Qatar. Dal canto suo il fondo, non nuovo ad investimenti nel nostro Paese (è proprietario degli hotel di lusso della Costa Smeralda e del Four Seasons di Firenze), ora è interessato al settore degli uffici. Ovviamente la piazza d'elezione per questo tipo di interessi è Milano, infatti, ha già acquisito (in due riprese) tutto il complesso di Porta Nuova e gli uffici del Credit Suisse per circa 115 mln di euro.

L'investimento più grosso citato dal Sole è quello che è stato effettuato dai fratelli sauditi Al Fawaz, che sono proprietari del Gruppo Alhokair, attivo nel settore dei centri commerciali. La loro mossa è stata quella di voler investire 2 miliardi di euro (in modo graduale) nel progetto Milanosesto.

 


TAGS

COMMENTA

Ultimi articoli

Registrati
In questa sezione potete consultare e sfogliare gli articoli e i servizi di approfondimento pubblicati nel settimanale in distribuzione in questi giorni.
Leggi tutti gli articoli

Follow Us

WebTv - Video