Hotel Business Magazine 

 
HOME > RUBRICHE - Formazione

Ristorazione e hotellerie: il cliente ordina (anche) tramite emoticon

Sito web strutturato, posizionamento su Google, Instagram story e Instagram menù, selfie coffee e selfie point, Teamwork suggerisce nuovi strumenti ed opportunità per promuoversi bene online

L'iphone a tavola in che posizione si deve mettere? A sinistra del piatto con le forchette o a destra? Possono sembrare domande da non galateo, è vero, ma vogliono solo darci la misura di quanto i social siano presenti nella nostra vita, in diversi momenti ed anche a tavola. Prova ne è la moda (iper diffusa) di fotografare i piatti che si degustano.

E allora visto che i social sono dei compagni di vita omnipresenti, come si possono promuovere i ristoranti con le nuove tecnologie? A porsi la domanda è Nicola Delvecchio, consulente di marketing e comunicazione per l'ospitalità di Teamwork, in occasione della tappa milanese del workshop Restaurant R-Evolution.

Cosa sta cambiando nella ristorazione? Tanto. Basti dire che Coca Cola ha lanciato un'operazione di selfie marketing, grazie alla quale le persone si possono fotografare mentre bevono. "Sono cambiati i clienti, nascono i selfie coffee, ci confrontiamo sempre più spesso con termini quali foodporn e mobile revolution. Ci sono ristoranti Pokemon friendly, dove si può ricaricare il cellulare per poter continuare a dare la caccia ai Pokemon, "un modo per bar e ristoranti per fare business - esemplifica il consulente -. Ci sono ristoranti i cui menù sono su Facebook o addirittura ristoranti dalla cui pagina Facebook si possono ordinare le pietanze". A proposito di ordinazioni, non si può non fare i conti con il fatto che esistano pizzerie "che ricevono le ordinazioni tramite emoticon", modalità adottata anche da un brand di una catena alberghiera, in base al quale il cliente si può esprimere tramite le famose "faccine". Cambia anche il modo di proporsi per trovare lavoro e prendono piede i "video curricula".

Il segreto ruota intorno ad una parola, "egonomia". Ci sono clienti che amano essere coinvolti, che desiderano interagire e allora perché non creare "un selfie point all'interno di un ristorante?".

Quali sono i segreti per potersi promuovere al meglio? Secondo Delvecchio bisogna tenere in considerazione alcuni aspetti, uno di questi è che le "persone scelgono in base a fonti autorevoli, pertanto sul web devono trovare contenuti generati anche dal ristorante e non solo dal cliente. Per questo è importante fare un sito web ben strutturato, non basta essere presenti su Facebook, in quanto questo canale non può sostituire il nostro sito. Bisogna anche controllare chi siamo su Google, pensando che è il nostro biglietto da visita, per questo è importante sapere che cosa appare se si scrive su Google il nome del nostro ristorante".

Tra i suggerimenti dati c'è quello di fornire una "proposta di valore, perché devo venire proprio da te? Bisogna mostrarlo al cliente in modo dinamico. E' importante riportare bene in vista sul sito numero di telefono, mail e contatto whatsapp. Bisogna pubblicare belle immagini e fare lo sforzo di imparare a fotografare i piatti. Oltre a tener presente che siamo nell'era del visual web".

Essere sui canali social è importante, ma ancora di più è utilizzare "quelli utili per il nostro business". Per un ristorante Instagram è adatto, così come lo è "fare un'Instagram gallery dei propri piatti sul sito. Oppure creare un Instagram menù, avere un hashtag, riproporre le foto dei clienti. Ricordarsi di fare i video in verticale". Tra i punti da tenere in considerazione anche quello di creare un database e di lavorare con l'email-marketing, creare una newsletter, che viene letta anche da chi non è iscritto a Facebook".

Infine, "gestire e non subire le recensioni, averne tante è comunque positivo. E' bene sensibilizzare lo staff ad usare le recensioni", ricordandosi che rispondere è importante, ma sempre nei dovuti modi. Meglio farlo quando si ha del tempo, così si è in grado di rispondere bene al cliente, anche se sta muovendo una critica verso il nostro ristorante. s.v.

 


TAGS

COMMENTA

Ultimi articoli