Hotel Business Magazine 

 
HOME > RUBRICHE - Tecnologia

Mobilità elettrica, le soluzioni di Repower per un hotel “green”

L’azienda svizzera propone strumenti tecnologici all’avanguardia per la gestione e la ricarica di mezzi a due e quattro ruote. I vantaggi? Ecologia, risparmio ma anche visibilità e opportunità di business

Una serie di soluzioni per la mobilità elettrica, con progetti ad hoc per l’hotellerie che intende differenziarsi ed offrire ai clienti servizi all’avanguardia. E’ questo il core business di Repower, azienda svizzera attiva nel settore energia da oltre 100 anni e tra i pionieri della mobilità elettrica in Italia, dove oggi conta oltre 600 strumenti installati.

Tra i progetti di Repower - che hanno già trovato adesione da parte di una lunga serie di strutture ricettive - troviamo soluzioni per la mobilità elettrica a 360 gradi: ne sono un esempio la panchina E-lounge, oggetto polifunzionale con parcheggio e stazione di ricarica per e-bike - che è anche un punto in cui alimentare device e navigare gratuitamente con il Wi-Fi integrato - e la barca Repower, presentata al Salone nautico di Genova.

Per quanto riguarda più direttamente il settore della ricettività, l’azienda svizzera ha ideato il progetto Ricarica 101, un circuito di postazioni di ricarica per auto elettriche, di design e tecnologicamente all'avanguardia, che punta a rivoluzionare il modo di viaggiare e che – partito a ottobre 2016 – è stato segnalato come best practice dalla Commissione Europea

“Il progetto – spiegano da Repower - consiste nell'iniziale messa in opera di 101 punti di ricarica di veicoli elettrici sparsi in tutta Italia presso strutture ricettive di eccellenza - a oggi le adesioni sono già oltre 250 - in modo che ci si possa spostare in auto elettrica comodamente, visitando i bellissimi luoghi del nostro Paese e potendo contare su stazioni di ricarica dove rifornirsi velocemente, godendo al contempo dei servizi e dell'ospitalità della struttura ricettiva, che può essere ad esempio un albergo, un resort, un ristorante, un campo da golf o una marina”. Ogni struttura aderente al circuito di Ricarica 101 è dotata di una palina “Burrasca” della potenza di 22 kW, pensata per unire praticità e design e in grado di ricaricare fino a due mezzi elettrici contemporaneamente, a due o quattro ruote.

Oltre al vantaggio immediato dell’abbattimento dei costi di rifornimento, l’azienda rimarca che “a beneficiare di questa nuova rivoluzione nella mobilità elettrica e delle opportunità date dal progetto Ricarica 101 sono anche le strutture ricettive aderenti all'iniziativa. Protagoniste, grazie a Repower, di una consistente attività di comunicazione sulla stampa, che ne aumenta la visibilità fornendo loro nuove opportunità di business e di ampliamento della clientela, attratta da un nuovo modo di viaggiare sostenibile e silenzioso”. Repower ha studiato infatti per i suoi clienti anche un “pacchetto visibilità”, che comprende interviste e post sui social, attività social coordinate, digital PR e articoli su “Homo Mobilis”, portale interamente dedicato all’informazione sulla mobilità elettrica. g.m.

 


TAGS

COMMENTA

Ultimi articoli