Hotel Business Magazine 

 
HOME > RUBRICHE - Investment

Il real estate si apre al crowdfunding: nuove opportunità per le aziende innovative

Il panel "The future is now", in programma al Lambrate Design District, fotografa nuovi scenari in continua evoluzione

"Crowdfunding e real estate sono due temi nuovi e apparentemente lontani che oggi, invece, sono entrati nel lessico quotidiano degli architetti”. La docente, e moderatrice, Cinzia Pagni introduce così il panel The future is now in programma allo Spazio Ventura del Lambrate Design District.

In un nuovo mondo nomade, transitorio, effimero e trasformabile, alcuni esperti del settore hanno fotografato un nuovo scenario fatto di contaminazioni tra fintech, architettura e design. “Ci muoviamo in un mondo dove si registra una crescente attenzione per la rivalutazione del patrimonio architettonico esistente - aggiunge Cinzia Pagni -. Il recupero di edifici o zone di città abbandonate acquisisce un valore etico che influisce sulla qualità della vita degli abitanti stessi”.

A tracciare un profilo economico del settore è Paolo Mariani, innovation manager di Intesa San Paolo: “Oggi le aziende si dividono in due, quelle lineari e quelle innovative: queste ultime attirano maggiormente l’attenzione degli investitori in quanto si focalizzano su attività che hanno un impatto sociale e il settore del real estate rientra ampiamente nel loro raggio d’azione”.

Il mercato dell’innovazione in Italia oggi macina richieste per un valore di 2 miliardi di euro, ma ne vengono soddisfatte solo per un importo di 600 milioni grazie a contributi sia pubblici che privati. Proprio per questo motivo si fa sempre più spazio la risorsa del crowdfunding, ma che cos’è? “Non è altro che una maniera smart per finanziare un progetto - spiega il docente Carlo Rossi Chauvenet .- Fino ad oggi il settore del real estate, forse, è quello che ha goduto meno dei benefici del digitale. Ultimamente, invece, il settore immobiliare/alberghiero vive un momento di boom: il digitale fa sì che si moltiplichino gli utilizzi di una stanza, ad esempio ricavando risorse grazie a terzi o risparmiando denaro calcolando più facilmente i consumi. Il valore della tecnologia applicata all’immobiliare è quantificabile intorno ai 12 miliardi di euro, viviamo in un momento che funge da spartiacque tra quello che viene prima e dopo l’utilizzo del digitale”.

Gli alberghi oggi si caratterizzano per una rifunzionalizzazione degli spazi già esistenti, trovando format sempre più innovativi che ne identifichino la struttura. Ne è convinto Francesco Scullica, docente del Politecnico di Milano. “L’innovazione degli spazi oggi deve guardare alle esigenze delle persone, per questo motivo gli spazi si aprono all’ibridazione e alla molteplicità di utilizzo. Il crowdfunding risponde alle esigenze di una società che trova nuovi sistemi per tenere un alto livello di lifestyle dopo un periodo di crisi, trovando nuovo slancio grazie alla condivisione allontanando sempre più l’idea dell’esclusività di una proprietà”. s.f. 


TAGS

COMMENTA

Ultimi articoli