Hotel Business Magazine 

 
HOME > RUBRICHE - Management

Relais & Châteaux, 13 nuovi associati in tutto il mondo

L’associazione francese che riunisce 580 hotel e ristoranti si arricchisce di suggestive destinazioni nelle quali vivere Delicious Journeys

 

 

Dalle Maldive al Sud America, dall’Europa all’Africa, 13 nuove dimore entrano a far parte della famiglia Relais & Châteaux. Nella campagna dove la vita scorre al ritmo dell’alternarsi delle stagioni, in edifici storici simbolo della città ospite oppure all’interno di oasi naturali selvagge e paradisi incontaminati, ciascuna incarna perfettamente lo spirito del luogo in cui sorge e sposa un valore fondamentale per l’associazione: il desiderio di condividere con i propri ospiti la propria storia, il patrimonio culturale e gastronomico del territorio.

• The Nautilus, Atollo di Baa, Maldive

Situato su un’isola privata dall’atollo di Baa, l’unica oasi naturale delle Maldive tutelata dall’Unesco come riserva della biosfera, il The Nautilus si compone di 26 ville sospese sulle acque dell’Oceano Indiano, i cui pavimenti in vetro offrono un affascinante assaggio delle meraviglie sottomarine che attendono gli appassionati di immersioni. Con la sua atmosfera elegante e bohémien, la Dimora è un vero paradiso terrestre dove rilassarsi pieds-dans-l’eau.

• Pujol, Città del Messico, Messico

A guidare la rinascita della gastronomia messicana è Enrique Olvera, la cui cucina minimalista ma sofisticata fonde ingredienti locali e innovazione culinaria. Situato nel quartiere di Polanco, il ristorante Pujol è uno dei motivi per cui il Messico è oggi la destinazione gastronomica più trendy del momento.

• Nayara Gardens, La Fortuna, Costa Rica 

Immerso nella lussureggiante natura del Parco nazionale del vulcano Arenal, il Nayara Gardens promette un'esperienza unica nel cuore della foresta pluviale. Con il suo impegno a preservare l'equilibrio ecologico di uno dei luoghi più belli del pianeta, questo resort è un invito a vivere intensamente ogni istante del proprio soggiorno.

• Pikaia Lodge, Galapagos, Equador

Incastonato nel cratere di un antico vulcano, il Pikaia si affaccia sull'oceano a 450 metri di altitudine. Si tratta di una vera prodezza architettonica: l'edificio infatti è stato realizzato interamente in vetro e pietra vulcanica per offrire un’esperienza di lusso eco-sostenibile senza eguali al mondo. La dimora mette a disposizione dei suoi ospiti uno yacht privato per ammirare la varietà della fauna marina e le spiagge paradisiache delle Isole Galapagos.

• Stock Exchange Hotel, Manchester, Regno Unito (apertura prevista a novembre 2019)

Sorprendente esempio di architettura edoardiana del XX secolo, questo edificio, in passato sede della Borsa di Manchester, è stato trasformato in un hotel con 40 camere, tra cui due suite esclusive e The House, una splendida penthouse di 325 metri quadrati. Costruito nel 1906, è stato meticolosamente ristrutturato e trasformato dallo studio di design di fama internazionale Autoban. Sotto la magnifica cupola centrale, dove per decenni si sono svolte le contrattazioni della Borsa, sorgeranno il cuore e l’anima dell’hotel: il ristorante e il bar di Chef Tom Kerridge.

• Le Jules Verne, Parigi, Francia

Situato al secondo piano della Tour Eiffel, Le Jules Verne è una vera istituzione parigina. La guida del ristorante gastronomico della Dama di ferro, un gioiello completamente rivisitato dall'architetto Aline Asmar d'Amman, oggi è affidata a chef Frédéric Anton, già 3 stelle Michelin al Pré Catelan e Meilleur Ouvrier de France.

• La Maison des Têtes, Colmar, Alsazia; Francia

Nel centro della città-gioiello di Colmar, in Alsazia, questo gioiello architettonico in stile rinascimentale è un monumento classificato che prende il nome dalle 106 teste scolpite che ne decorano la facciata. In armonia perfetta tra storia e modernità, l’hotel, l’antica brasserie e il ristorante stellato Le Girardin celebrano l’art de vivre in un ambiente elegante e romantico.

• Le Pré, Clermont-Ferrand, Alvernia, Francia

La carta del ristorante Le Pré a Durtol, sulle alture sopra Clermont-Ferrand, è un invito scoprire la ricchezza e il gusto di una cucina totalmente locale, stagionale e a Km 0. Ogni mattina, lo chef stellato Xavier Beaudiment coglie le erbe selvatiche che crescono ai piedi dei vulcani dell'Alvernia per offrire ai suoi ospiti un viaggio alla scoperta dei sapori del territorio.


• Hôtel Richer de Belleval, Montpellier, Hérault, Francia (apertura prevista nel 2020)

Nel cuore del centro storico di Montpellier, in Place de la Canourgue, Jacques e Laurent Pourcel si apprestano a scrivere un nuovo capitolo dell'Hôtel Richer de Belleval, edificio simbolo della città che risale al XVII secolo. Classificato come monumento storico, vanta eccezionali dettagli architettonici ed è stato completamente restaurato per ospitare, insieme all’hotel, il nuovo ristorante dei fratelli Pourcel.

• Restaurant Frederikshøj, Aarhus, Danimarca

A pochi passi dalla foresta di Thor e dalla baia di Aarhus, il ristorante Frederikshøj offre una vista panoramica sulla natura mozzafiato che lo circonda e sul giardino della proprietà. In un ambiente tipicamente scandinavo, moderno e minimalista, lo chef stellato Wassim Mohammad Hallal conduce i suoi ospiti in un viaggio emozionante dove i tratti tipici della cucina francese si uniscono alle note della nouvelle cuisine del Nord.

• Château de Vignée, Villiers-sur-Lesse, Vallonia, Belgio (apertura prevista a ottobre 2019)

Nella fantastica cornice delle Ardenne belghe, Château de Vignée è una tipica casa-fattoria del XVIII secolo rilevata dallo chef Kwinten Boelen. Terminati i lavori di ristrutturazione, ora la dimora è pronta a riaprire le sue porte con 25 accoglienti camere, una piscina e una spa. Il ristorante Arden sarà una vetrina d’eccellenza per le creazioni culinarie farm-to-table dello chef belga.

• Walliserhof Grand-Hotel & Spa, Saas-Fee, Svizzera (apertura prevista a dicembre 2019)

Il Walliserhof Grand-Hotel & Spa di Saas-Fee riapre al pubblico in una veste totalmente rinnovata, per offrire agli ospiti un inedito approccio olistico al concetto di vacanza nelle Alpi. Con le sue camere moderne arredate con materiali naturali, un ristorante gastronomico e una straordinaria spa, ha tutto ciò che serve per prendersi cura del corpo e della mente. Situata a 1.800 metri di altitudine nella valle di Saas, la dimora è circondata da 13 cime tra cui un ghiacciaio di 3.500 metri, dove è possibile sciare tutto l'anno.

• Mpala Jena Camp, Zambezi Park, Zimbabwe

Attraversato da una sorgente naturale, il Mpala Jena Camp (nella foto) è il luogo ideale per osservare moltissime specie di animali selvatici nel loro ambiente naturale. All’interno di una concessione privata nel Parco nazionale dello Zambesi, le quattro tende adibite a suite sono posizionate all'ombra di alberi centenari: ciascuna vanta una terrazza con accesso alla piscina privata, che si affaccia sulle acque tranquille del fiume. Situato vicino alle Victoria Falls, questo eco-lodge è un rifugio privilegiato per gli amanti della natura.
 

 


TAGS

COMMENTA

Ultimi articoli