Hotel Business Magazine 

 
HOME > RUBRICHE - Numeri

Accor: positivi i risultati del Jo&Joe Parigi-Gentilly

A parlarne il vice president brand&operations del marchio François Leclerc. Per l'intero anno prevista un'occupazione del 70%

Dopo il primo lancio a Hossegor, in Francia, nel 2017, ha aperto da otto mesi la sua Open House a Parigi, a due passi dalla Cité Internationale Universitaire, a sud della città: si tratta di Jo&Joe, nuovo marchio del gruppo Accor lanciato per soddisfare le aspettative dei Millennial, ma non solo. Jo&Joe Parigi-Gentilly è situato a due minuti dalla linea Rer B, a 20 minuti dall'Arco di Trionfo e a 20 minuti dall'aeroporto di Orly.

Fino a oggi ha macinato risultati soddisfacenti: “Generalmente per una struttura appena aperta, il riempimento è tra il 30 e il 50% - ha spiegato a François Leclerc, vice president brand&operations Jo&Joe -. L’occupazione del primo mese è stata del 70%, nel secondo del 91%. Per l’intero anno ci aspettiamo che si attesti sul 70%”.

Il design della struttura è stato progettato con il supporto dello studio Penson; la street art è ovunque all’interno della Open House, grazie al lavoro di 9 artisti locali e internazionali, che hanno coperto le pareti con le loro creazioni. Dispone di un ristorante con 140 posti a sedere, che offre un menu vario composto di piatti semplici e serviti tutto il giorno. Il sistema di pagamento senza contanti consente ai clienti di pagare con il proprio cellulare. Non manca l’innovazione: un beer wall dove pagare comodamente usando una carta prepagata.

Sul fronte intrattenimento, la struttura propone un programma completo ogni giorno con concerti, lezioni di yoga, eventi con artisti emergenti, dj set. Completano l’offerta un giardino e uno spazio esterno di oltre 400 metri quadri. Sono presenti anche spazi meeting, con una sala riunioni di 85 metri quadri con vista sul giardino e un'altra di 25 metri quadri, che si apre sulla terrazza. Mentre, per dormire si può scegliere tra diversi tipi di alloggio: “Together”, aree condivise, che prendono ispirazione dai cosiddetti “dormitori”, dove diverse persone possono dormire mantenendo la privacy grazie a spazi modulari, che possono adattarsi a 4 o più persone; “Yours”, camere private in stile hotel per 2 o 3 persone e “Cabins”, un concetto unico in Francia, uno spazio privato individuale con accesso a un sala da bagno e toilette comuni, una soluzione pensata per gli indecisi tra un letto a castello e una stanza privata. In totale i letti sono 485. Circa 40 i dipendenti, di 13 nazionalità diverse. n.s.

 


TAGS

COMMENTA

Ultimi articoli