Hotel Business Magazine 

 
HOME > RUBRICHE - Investment

Shivdasani-Maldive: i due approcci per far ripartire il turismo

Il fondatore e Ceo di Soneva, proprietario dei resort di lusso Soneva Fushi e Jani alle Maldive e Soneva Kiri in Tailandia, fa alcune considerazioni sul prossimo futuro del turismo alle Maldive

“Grazie per tutte le risposte all'articolo di opinione che ho condiviso qualche settimana fa, 'How Maldivian Tourism can Survive Covid-19'”, così Sonu Shivdasani, fondatore e Ceo di Soneva. “Apprezzo tutti i messaggi di sostegno. Tuttavia, mi rendo conto che alcuni lettori hanno frainteso le mie affermazioni e hanno giudicato il pezzo come elitario. Mentre i primi 30 resort del Paese per tasso medio rappresentano la maggior parte delle entrate turistiche del Paese; questa non era affatto la mia intenzione. Non credo che il governo dovrebbe permettere solo ai turisti facoltosi con jet privati di visitare le Maldive. Il mio punto di vista è che permettere l'atterraggio di aerei più piccoli negli aeroporti regionali è il modo più semplice per iniziare il processo di riapertura dell'economia turistica, pur mantenendo Malé al sicuro da qualsiasi rischio di contagio”.

Shivdasani è giunto a questa opinione basandosi su una serie di considerazioni: circa il 90% dell'attività economica delle Maldive è guidata dall'industria del turismo, che si svolge tutta su isole completamente separate da Malé. Ci sono, poi, due aspetti delle Maldive che sono rilevanti: Malé', la capitale del paese è uno dei luoghi più densamente popolati del pianeta e quindi a rischio in caso di contagio. Tuttavia, il resto dell’arcipelago è naturalmente isolato in più di 1.100 isole separate ed è qui che si genera la ricchezza turistica. La perdita e i danni all'economia non sono lineari, ma esponenziali - i costi della chiusura delle località turistiche crescono a un ritmo sempre
maggiore.

Diversi paesi si trovano in fasi diverse della curva della campana Covid-19. La Cina ha attraversato la curva e si è in gran parte ripresa. La Corea del Sud ci sta arrivando. Al momento, questi sono gli unici due grandi mercati che sono in gran parte liberi da Covid-19. I tradizionali mercati europei sono indietro di almeno 60 giorni rispetto alla Cina e alla Corea del Sud. Considerata l'importanza del turismo per l'economia, le Maldive non possono aspettare che tutti i suoi principali mercati siano liberi dalla pandemia prima di riaprire le frontiere. Il governo deve cominciare a capire come riaprire i mercati dei Paesi che hanno superato il virus. Detto questo, l'intera industria del turismo maldiviano non sopravviverà solo sugli ospiti cinesi e coreani. Le Maldive, ad un certo punto in un futuro non troppo lontano, dovranno aprirsi ad altri mercati, per questo si deve trovare il modo di farlo in modo sicuro e non mettere a rischio il Paese.

“Da qui il mio suggerimento di iniziare ad accogliere aerei più piccoli, come i jet privati, e piccoli aerei commerciali come gli A320 e i 737 che contengono circa 120 passeggeri” – continua Shivdasani. “Un numero limitato di passeggeri può essere testato più facilmente per Covid-19 all'arrivo, rispetto alle centinaia e centinaia di persone che sbarcano su grandi aerei come i 777. Qatar ed Etihad Airways, che servono entrambe le Maldive, hanno una vasta flotta di aerei più piccoli. Anche gli aeroporti regionali delle Maldive possono ospitare questi aerei più piccoli. L'utilizzo degli aeroporti regionali eviterebbe qualsiasi rischio di contagio a Malé, che è sicuramente fondamentale data la sua densità di popolazione”.

“Come ho già detto, circa il 90% dell'economia maldiviana dipende dal turismo. Secondo la Banca Mondiale, nel 1980 le Maldive erano tra i 20 Paesi più poveri del mondo. Oggi, dopo 40 anni di turismo, le Maldive sono un paese a medio reddito con il più alto Pil pro capite dell'Asia meridionale, dove l'aspettativa di vita e il tasso di alfabetizzazione sono rispettivamente di 74 anni e 76%. Il turismo ha reso le Maldive prospere. Il turismo è la linfa vitale dell'economia maldiviana, ma è messo a repentaglio dalla chiusura della Covid-19. Inoltre, il danno che la chiusura sta causando all'industria non è lineare, ma esponenziale. Al momento, la maggior parte dei resort ha chiuso, e molti hanno tagliato i costi, compresi i salari; ma i resort non stanno ancora fallendo. Questo perché le società di resort di solito hanno abbastanza risorse, denaro in banca e buona volontà con i loro creditori per assorbire uno shock importante, a patto che la crisi non duri troppo a lungo. I resort con conti bancari molto sani potrebbero anche riuscire a sopravvivere qualche mese senza turisti”. 

Tuttavia, le cose cominciano a mettersi male con il passare delle settimane e dei mesi con il confine ancora chiuso. Le aziende dei resort finiscono i contanti, i loro investitori perdono la fiducia e si rifiutano di estendere nuove linee di credito, e le aziende finiscono per fallire. Un resort in bancarotta non può pagare le fatture in sospeso, il che a sua volta minaccia di mandare in bancarotta i suoi fornitori. Ogni resort che fallisce, inoltre, licenzia centinaia di dipendenti, che non hanno soldi da spendere in negozi, ristoranti e caffè, che a loro volta ne soffrono. Mentre questo scenario si svolge in decine di resort e aziende su e giù per il paese, in breve tempo si finisce con un tracollo economico.

“Per evitare che si verifichi un simile incidente - continua Shivdasani, è fondamentale che il
confine venga riaperto il prima possibile
. Finora il governo ha gestito la crisi incredibilmente bene. Ma la semplice chiusura delle frontiere fino a quando non ci sarà una cura Covid-19, o fino a quando il mondo intero non avrà sradicato il virus (che potrebbe richiedere un anno o due), non è un'opzione praticabile per le Maldive, perché ucciderebbe l'industria del turismo, e spingerebbe decine di migliaia di persone nella povertà. È importante che il governo trovi modi pragmatici per riaprire il paese, senza mettere il paese inutilmente a rischio di un'epidemia di coronavirus. Infatti, se le Maldive riapriranno presto, ci si può aspettare un'estate da brivido. La maggior parte degli altri mercati delle vacanze estive, come l'Europa e il Nord America, rimangono chiusi. Con poche destinazioni da scegliere tra i turisti, è probabile che le Maldive affolleranno le Maldive”.

A Soneva, le richieste di prenotazione suggeriscono che luglio e agosto 2020 potrebbero anche essere migliori dell'estate 2019. Sta arrivando un numero significativo di richieste di prenotazione, e gli ospiti chiedono soggiorni più lunghi, spesso fino a un mese. La prosperità e il benessere nazionale dipendono secondo Shivdasani dall'adozione da parte del governo di due approcci distinti: la riapertura dei confini al turismo nelle isole e negli atolli e la rigorosa protezione di Malé dalla diffusione della comunità. Data la densità della capitale, il virus può diffondersi rapidamente in città, quindi deve essere protetto. Tuttavia, molti maldiviani sono ormai senza lavoro e senza retribuzione. Il governo ha annunciato il sostegno alle persone che hanno perso il lavoro. Si tratta di una misura di sostegno importante e degna di nota. Ma poiché l'economia maldiviana è così dipendente dal turismo estero, non stimolerà molto l'economia in sé.

Il governo degli Stati Uniti sta pagando i dipendenti in aspettativa (quelli che sono stati licenziati dalle loro aziende per un periodo di tre mesi), il 100% del loro stipendio perduto. Nel Regno Unito, i dipendenti in aspettativa sono pagati dal governo per l'80% dello stipendio perduto. Questo è facile da fare per gli Stati Uniti e la Gran Bretagna perché possono stampare dollari e sterline, e non soffrono di una svalutazione monetaria. “Purtroppo, il governo delle Maldive potrebbe non avere tale flessibilità a causa delle dimensioni relative dell'economia” - dichiara Shivdasani. “Quindi, il modo principale in cui il governo può sostenere il popolo è quello di incoraggiare il reimpiego dei maldiviani, in modo che possano pagare le loro bollette e rispettare i loro impegni finanziari. I veri motori della ricchezza alle Maldive sono le località turistiche, che attraggono milioni di turisti, che spendono molta valuta forte. Per stimolare l'economia, bisogna permettere e attirare i turisti alle Maldive. Riaprire le frontiere in modo sicuro, con test all'arrivo, è il modo migliore. C'è una netta separazione tra le isole che generano i dollari del turismo e Malé. Quindi, ricostruire l'economia del turismo e proteggere Malé non si escludono a vicenda” conclude Shivdasani.


 


TAGS

COMMENTA

Ultimi articoli