Hotel Business Magazine 

 
HOME > RUBRICHE - Management

citizenM rivoluziona lo smart working in hotel

Due nuove formule per i "nomadi digitali" e per chi sceglie l'albergo come ufficio: in abbonamento o con l'affitto breve, la catena olandese propone offerte per rendere il lavoro da remoto più agile e conveniente

Due nuove formule di ospitalità per rendere più semplice - e conveniente - lo smart working in hotel. E’ questa la novità di citizenM, pronta a portare le offerte nei suoi 21 hotel. In una nota la catena olandese ha spiegato che l’idea di innovare è arrivata dal fatto che “mentre l’industria dell’hospitality non ha ancora fatto i conti con la crescente richiesta di spazi riservati al remote working, citizenM ha prontamente reagito lanciando due tipologie di servizio interamente dedicate a chi non ha o desidera non avere un luogo fisso di lavoro”.

La prima formula è l’”abbonamento corporate by citizenM”, e consiste nella sottoscrizione di un abbonamento mensile che offre la possibilità di lavorare in qualsiasi hotel citizenM nel mondo, utilizzare le sale riunione, soggiornare per tre notti (inclusi colazione e welcome drink), avere accesso a tutti i servizi della struttura e usufruire di uno sconto per ogni notte e ora nelle sale riunione aggiuntive all’abbonamento. “Questa modalità di fruizione dell’hotel – spiega la catena in una nota - rappresenta una valida ed economica alternativa ai classici spazi di co-working e consente all’azienda di facilitare la gestione delle prenotazioni con un conseguente notevole risparmio di tempo. Inoltre, elimina il rischio di costi imprevisti mantenendo alto il rapporto qualitá-prezzo”. L’abbonamento può essere annuale, per i viaggiatori regolari, o rinnovato mensilmente.

La seconda formula introdotta dal brand è il “global passport by citizenM”, un pacchetto di 30 giorni consecutivi presso un hotel citizenM a prezzo ribassato. In questo caso, il soggiorno deve essere effettuato per un minimo di 7 notti e la disponibilità da parte della struttura è garantita. “Si tratta – rileva citizenM - di una soluzione più competitiva degli affitti a breve termine in grandi città come Londra, Parigi e New York, che soddisfa le esigenze di lavoratori freelance, nomadi digitali o viaggiatori, che al contempo vogliono essere flessibili nelle prenotazioni. Con questa formula i travellers abituali hanno la possibilità di riservare il pernottamento ad un prezzo conveniente, garantendo una prenotazione su un medio periodo e usufruendo di tutti i servizi che citizenM offre”. g.m.


TAGS

COMMENTA

Ultimi articoli