Hotel Business Magazine 

 
HOME > RUBRICHE - Management

Paletti, Rescasa: "Il valore aggiunto guiderà la ripresa"

Compito di albergatori, gestori, proprietari di residence e di appartamenti è quello di investire in qualità per farsi trovare pronti nel momento della ripartenza - di Laura Dominici

Metaforicamente parlando spiega di avere molte giacche, ma Raffaele Paletti, albergatore e presidente nazionale Rescasa, non si riferisce tanto al suo guardaroba quanto alle attività imprenditoriali che gestisce. E’ infatti albergatore, proprietario di residence, appartamenti, al vertice di un’associazione che si occupa di affitti brevi e con la sua famiglia ha segnato un pezzo di storia dell’ospitalità made in Italy.

Un mondo che però sta velocemente evolvendo e che impone un ripensamento, in particolar modo a lui che il cambiamento lo deve anticipare. Non nega una punta di preoccupazione per le sfide che il settore hospitality dovrà sostenere, ma ciò che importa, a suo dire, è che “bisogna essere pronti per la ripartenza”.

Mettendo a confronto i due mondi degli appartamenti e residence con quello alberghiero non ha dubbi: “Il primo è un mercato che ha perso meno e non riparte da zero, mentre per gli alberghi la strada è più in salita”. Le vere domande per lui sono se si ripartirà con gli stessi paradigmi di prima, quando torneranno a viaggiare le aziende, con quali sistemi… domande che condivide con buona parte del settore.

Alla base deve esserci quindi un percorso di investimenti, sul prodotto innanzitutto: “Riflettendo su che cosa potrebbe attirare di più la clientela, possiamo parlare del fenomeno della trasformazione della camera in ufficio, sta poi emergendo l’importanza del food, con una maggiore quantità di ospiti propensa a pranzare in hotel”.

Per quanto riguarda i nuovi concept di appartamento, “la clientela avrà bisogno di spazi più ampi e l’appartamento si presta a garantire questa preferenza”. Paletti, però, volge lo sguardo più avanti, perché “occorre investire sul lungo termine”. Cosa renderà redditizio il business dell’ospitalità? “Le strategie stanno cambiando tanto per gli appartamenti quanto per gli hotel. La remuneratività – spiega – sarà dettata dalla posizione delle strutture, dalla classificazione, dall’innovazione offerta. E’ fondamentale agire sulla qualità del servizio e tener conto del fatto che cambieranno anche le competenze richieste, bisognerà adattarsi e modificarsi, cambiare ruolo, formarsi”.  

La stessa valutazione delle ristrutturazioni deve passare da un attento esame degli asset: “Si dovrà valutare se ad esempio è possibile convertire un hotel in abitazioni destinate alla vendita o agli affitti a lungo e breve termine, ma questo dipenderà dalla location. Se l’hotel non si trova in una zona centrale, si deve accantonare l’esempio perché i costi della riconversione sarebbero troppo alti, tenendo conto che si aggirano sul 30-40%”.

Il valore aggiunto dovrà essere garantito in ogni tipologia di offerta ricettiva, dall’appartamento all’hotel,  “dobbiamo dare qualità di servizio, tecnologia. Ci sarà un’espansione delle soluzioni ibride – commenta poi Paletti – con lo sviluppo della formula condohotel, la riscoperta e valorizzazione dei borghi nelle piccole località, la diffusione di un turismo senza grandi costi e con qualità eccezionali, che potrà avere successo se vedrà l’unione di più proprietari e un legame stretto con il territorio”.

Per gli investimenti futuri non ha dubbi: “Solo i gruppi alberghieri importanti riusciranno ad affrontare la crisi e il futuro. Ci saranno, anche in Italia, sempre più proprietari che affideranno la gestione a terzi ricorrendo a formule di management contract”.

In questa fase di profondo cambiamento anche Rescasa potrà giocare un ruolo di guida: “I proprietari di appartamenti sono in cerca di property manager. Si deve puntare sulla formazione e la qualificazione di questa figura professionale e degli host. Anche gli agenti immobiliari possono “cambiare giacca” e fare il property manager diventa un lavoro nuovo. A noi il compito di professionalizzarli”.

Laura Dominici


TAGS

COMMENTA

Ultimi articoli