E’ corsa per aggiudicarsi le migliori strutture alberghiere di Taormina. Nonostante le difficoltà e un turismo sempre più ridotto alla stagione estiva, la Perla dello Ionio attira l’interesse degli investitori internazionali.

La stampa nazionale fa riferimento ad importanti operazioni in atto per la compravendita delle strutture cittadine. Meliá Hotels International sarebbe fortemente interessata a rilevare un hotel e avrebbe già individuato la struttura. A Taormina è già presente da qualche tempo un’altra prestigiosa catena alberghiera spagnola, la Nh.

Ed è battaglia sull’acquisizione del San Domenico Palace Hotel, finito all’asta con altri cinque alberghi dell’ormai ex portagoglio Acqua Marcia (siti a Palermo, Siracusa e Catania). Da tempo sul San Domenico c’è l’interesse di Hamed Ahmed Bin Al Hamed, della famiglia reale di Abu Dhabi, azionista della compagnia aerea Etihad e protagonista dell’investimento già effettuato di recente in Sicilia a CapoMulini. Adesso è emersa una nuova pista con l’interesse della Constellation Holding, che fa capo alla famiglia dell’emiro del Qatar, Hamad bin Jassim Al Thani. Si tratta di una catena alberghiera che in Italia ha rilevato, tra l’altro, la proprietà del Four Seasons di Firenze e per 110 milioni di euro del St Regis Grand Hotel (acquisito dalla Starwood). L’offerta di Al Thani per il “San Domenico”, secondo alcune voci non confermate, si aggirerebbe sui 60 milioni. l.d.

 

Tags: , ,

Related Article