Marriott International ha annunciato che lancerà un programma con dettagli declinati su più fronti per elevare i propri standard di pulizia e le norme e i comportamenti di accoglienza per rispondere alle nuove sfide di salute e sicurezza determinate dall'attuale pandemia.

"Viviamo in una nuova era in cui i nostri ospiti e i nostri collaboratori convivono con il Covid-19," – ha dichiarato Arne Sorenson, presidente e Ceo, Marriott International. “Siamo grati per la fiducia che i nostri ospiti ci hanno dimostrato nel corso degli anni. Vogliamo che i nostri ospiti comprendano ciò che stiamo facendo oggi e ciò che stiamo pianificando per il prossimo futuro nei settori di pulizia, igiene e distanza sociale di modo che, quando varcano le porte di uno dei nostri alberghi, sappiano che il nostro impegno per la loro salute e sicurezza è la nostra priorità. È altrettanto importante per noi che i nostri collaboratori conoscano i cambiamenti che stiamo apportando per contribuire a salvaguardare la loro salute mentre servono i nostri ospiti."

La compagia, che da molto tempo ha una reputazione per gli elevati standard di pulizia degli alberghi con processi di pulizia e formazione consolidati, ha creato un Comitato Globale per la Pulizia (Global Cleanliness Council) per affrontare le realtà della pandemia Covid-19 negli alberghi e far avanzare ulteriormente gli sforzi dell'azienda in questo settore. Il Comitato Globale per la Pulizia di Marriott è focalizzato su sviluppare il prossimo livello di standard, norme e comportamenti per la pulizia nell'ospitalità a livello globale, studiati per ridurre al minimo i rischi e migliorare la sicurezza sia per i consumatori che per i dipendenti di Marriott.

Il consiglio è presieduto da Ray Bennett, Chief Global Officer, Global Operations, Marriott International, e beneficerà della conoscenza e del contributo di esperti sia interni che esterni, inclusi i dirigenti senior di tutte le discipline di Marriott quali pulizie, ingegneria, sicurezza alimentare, salute e benessere sul lavoro. Il comitato include anche i membri consultivi Ruth L. Petran, senior corporate scientist, food safety & public health per Ecolab, leader globale nelle soluzioni e nei servizi di acqua, igiene e prevenzione delle infezioni; Michael A. Sauri, specialista in malattie infettive presso Adventist Healthcare; Richard Ghiselli, capo della School of Hospitality & Tourism Management della Purdue University; e Randy Worobo, professore di microbiologia alimentare presso il dipartimento di scienze alimentari della Cornell University.

“Marriott vanta una lunga tradizione nell’enfasi data alla pulizia delle camere e degli spazi comuni dei nostri alberghi", ha affermato Bennett. “Attraverso il consiglio e la consulenza scientifica di esperti, stiamo adottando un approccio ponderato per stabilire un livello ancora più elevato di pulizia e sviluppare nuovi protocolli di interazione con gli ospiti. Il Comitato Globale per la Pulizia di Marriott è focalizzato su qualcosa di più della semplice disinfezione in tutto l'albergo, stiamo fornendo un approccio olistico pensato per prenderci cura dei nostri ospiti e collaboratori.”

Nei prossimi mesi Marriott implementerà tecnologie avanzate, tra cui irroratrici elettrostatiche con disinfettante di livello ospedaliero per la sanificazione delle superfici in tutto l'hotel. La tecnologia di spruzzatura elettrostatica utilizza la più alta classificazione di disinfettanti raccomandata dai Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (Cdc) e dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) per trattare i patogeni noti. Gli spruzzatori puliscono e disinfettano rapidamente intere aree e possono essere utilizzati in un ambiente alberghiero per pulire e disinfettare camere, hall, palestre e altre aree pubbliche. Inoltre, la compagnia sta testando la tecnologia a luce ultravioletta per la sanificazione delle chiavi per gli ospiti e i dispositivi condivisi dai dipendenti.

Nei prossimi mesi, quando gli ospiti si troveranno negli alberghi del portafoglio Marriott, noteranno una serie di aggiunte al regime di pulizia pensate per stabilire uno standard di pulizia ancora più elevato per gli hotel. Le aree di interesse specifiche includono: aree di superficie, misure per il contatto con gli ospiti, presidi per la sicurezza alimentare.

"La sicurezza per i nostri ospiti e collaboratori è sempre stata una priorità assoluta per Marriott e oggi la questione della sicurezza è inserita nel contesto di Covid  -19" – ha affermato Bennett. "Vogliamo che i nostri ospiti sappiano che stiamo facendo tutto il possibile per riaccoglierli in un ambiente alberghiero sicuro e pulito quando ricominceranno a viaggiare."

 

Tags:

Related Article