Dare vita al più grande operatore di hotel lifestyle del mondo. E' questo l'obiettivo dell'alleanza tra Accor e Ennismore, siglata per conquistare uno dei segmenti in più rapida crescita nel settore dell’ospitalità.

Attraverso l’operazione, nascerà una nuova entità autonoma e completamente asset light, che riunirà un portfolio unico di marchi mondiali, tra cui The Hoxton, Gleneagles, Delano, Sls, Mondrian, So/, Hyde, Mama Shelter, 25h, 21c Museum Hotels, Tribe, Jo&Joe e Working From. La nuova società avrà sede a Londra e prenderà il nome di Ennismore.

Sharan Pasricha, fondatore e ceo di Ennismore e Gaurav Bhushan, ceo della divisione Lifestyle Accor, diventeranno co-ceo della società, supportati da un team esperto di gestione internazionale. Accor sarà l’azionista di maggioranza della nuova società.

Inizialmente la società avrà un portfolio di 73 hotel suddivisi in 12 brand differenti, ma con una pipeline di oltre 110 nuovi hotel in arrivo, ulteriori 70 in fase di trattativa e più di 150 ristoranti e bar. L’obiettivo, stando ad una nota ufficiale, è quello di raggiungere a regime margini operativi lordi (Ebidta) per oltre 100 milioni di euro, nonché di garantire un’ottimizzazione dei costi per 15 milioni all’anno.

Anche in Italia Accor ha già espresso le proprie ambizioni di ampliamento nel settore lifestyle: nel 2021 sono previste le aperture di un Mama Shelter a Roma e di un 25hours a Firenze, mentre nel 2023 Tribe aprirà a Mestre nel contesto dell’ex area Immoarea della città. g.m.

Tags: ,

Related Article