Confindustria Alberghi ha recentemente sottoscritto un accordo con Europ Assistance per offrire alle proprie aziende associate “Hotel Safety Program”.

Secondo Survey Future of Travel, indagine condotta da Ipsos per Europ Assistance, l’89% degli intervistati vuole tornare a viaggiare, di questi quasi la metà sceglierà di soggiornare in albergo e 3 clienti su 4 dichiarano sia importante, quando si sceglie la struttura, poter disporre di una polizza con protezione dal Covid-19 inclusa nella prenotazione.

Oggi è diventato più che mai fondamentale saper trasmettere ed offrire un soggiorno sereno ai propri ospiti e la polizza risponde alle nuove necessità del cliente post-Covid.

Rimborso della penale in caso di impossibilità a partire; rimborso della quota di soggiorno non goduta; prolungamento del soggiorno per Covid-19; indennizzo in caso di ricovero; rimborso spese mediche, farmaceutiche ed ospedaliere; assistenza sanitaria H24, questi gli elementi distintivi della polizza assicurativa.

“Gli alberghi sono luoghi sicuri dove soggiornare e le nostre aziende da sempre si impegnano a garantire sicurezza e serenità agli ospiti. La crisi pandemica ha cambiato le abitudini di chi viaggia e nella scelta di un hotel oggi entrano in gioco numerose nuove considerazioni che un anno e mezzo fa quasi o poco si prendevano in esame. L’obiettivo dell’accordo è fornire un ulteriore nuovo strumento agli operatori per integrare la gamma dei servizi offerti andando in contro a quelle necessità che molti clienti oggi percepiscono come funzionali al viaggio”, dichiara Maria Carmela Colaiacovo, vicepresidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi.

 

Tags: , ,

Related Article