Le strutture alberghiere italiane cercheranno di cavalcare il trend della “Kidscation”, ovvero le vacanze adatte per i più piccoli, nuova tendenza emersa sul mercato. Da una recente ricerca dell’American Hotel & Lodging Association pubblicata su Fox News è emerso come il 78% delle strutture americane si stia adeguando per accogliere famiglie con prole a carico. I bambini, infatti, tra lezioni a distanza e la mancata possibilità di giocare con i propri coetanei, sono stati tra i più colpiti dalla pandemia, accusando stress, deficit di attenzione e apatia.

Quali sono, secondo gli esperti, i consigli utili per accogliere i più piccoli in tutta sicurezza? Prestare attenzione a prevenzione, metratura e distanziamento, coadiuvando le forme ludiche è possibile: attraverso il metodo bolle, adoperato negli istituti scolastici, anche i parchi possono permettere ai bambini più vivaci di giocare nel pieno rispetto delle norme. Attraverso la tecnologia, inoltre, è possibile riprogettare gli spazi, garantendo una migliore sicurezza.

Ad abbracciare il trend della Kidscation ci ha pensato Andrea Ricci, direttore dell’Hotel Eden di Alba Adriatica: “I bambini sono stati tra i soggetti più colpiti da questa spiacevole situazione che ci affligge da ormai un anno. Bisogna tutelarli e preservare la loro salute mentale, purtroppo messa a dura prova in questi mesi difficili. In vista della stagione estiva, come consigliato anche dagli esperti, i bambini hanno bisogno di giocare e rilassarsi, andando in vacanza. La nostra struttura, anche grazie allo studio tecnologico di Grempredictive, ha revisionato i propri parametri relativi a spazi interni, esterni, zona giochi, piscine e spiaggia, garantendo una sicurezza rafforzata rispetto alle regole imposte. I più piccoli sono per noi dei grandi ospiti ed è per questo che da sempre, ancor prima dello scoppio della pandemia, amiamo definitici l’Oasi dei bimbi”.

I benefici dell’outdoor playing sono molteplici: favoriscono la crescita fisica e mentale dei bambini, aiutano a tenerli concentrati e diminuiscono stress e noia. Ecco perché è importante incentivarlo anche all’interno di hotel e parchi. L’importanza di adeguare le nuove strutture alberghiere al futuro post pandemia è un pensiero condiviso anche da Ercole Vagnozzi, professore di business intelligence & customer relationship management presso l’università Alma Mater di Bologna fino al 2020 e capo economista di numerose startup: “Stiamo cercando nuovi paradigmi per il futuro, sfruttando le nuove tecnologie a disposizione – afferma -. In questo modo ci è possibile riprogettare gli spazi ad uso pubblico come spazi privati in sharing. Dobbiamo fare di tutto per aiutare i clienti, e dunque famiglie e bambini a carico, a non farsi sentire sotto controllo bensì a vivere con serenità il piacere della sicurezza”.

Tags: ,

Related Article

No Related Article