Dieci milioni di euro per passare dalla formula di gestione alla piena proprietà. Li ha investiti Blu Hotels sul Blu Hotel Acquaseria di Ponte di Legno, in gestione al gruppo già dal 2013.

L’investimento comprende anche alcune opere di ammodernamento, e “segna per noi un passo importante, a testimonianza della solidità del gruppo che, nonostante questi due anni di pandemia, non ha mai smesso di pensare al futuro”, come spiega il presidente Nicola Risatti.

Il numero uno del brand tutto italiano descrive la struttura, da 95 camere, come “uno degli hotel più prestigiosi della nostra catena,  grazie all’impegno di chi ci lavora e alla qualità del servizio erogato ai nostri ospiti, che l’hanno reso un riferimento per chi vuole soggiornare a Ponte di Legno”.

Questa acquisizione va ad aggiungersi alla recente gestione dell’Hotel Rezia di Bormio, e “mostra la capacità di Blu Hotels di ‘sfruttare’ le opportunità di investimento che si presentano sul mercato”, come si legge in una nota del brand.

Il Blu Hotel Acquaseria, situato a 500 metri dal centro della cittadina, è caratterizzato da una felice integrazione tra il fascino della tradizione e le esigenze del turismo contemporaneo.

Grazie alla posizione strategica, gli ospiti della struttura possono beneficiare durante la stagione estiva di bellissime passeggiate tra boschi, alpeggi e piccoli borghi rurali; durante la stagione invernale possono invece trascorrere le loro giornate sulle rinomate piste della ski area Ponte di Legno-Tonale, conosciuta anche come Adamello Ski e compresa tra 1.121 e 3.000 metri. Per gli amanti del benessere, infine, anche una Spa.

 

Tags: ,

Related Article